2023-02-23 23:55:19
Venerdì 00:06:54
Febbraio 24 2023

Terremoto in Turchia e Siria: UE modifica le misure restrittive in vigore nei confronti della Siria

Terremoto in Turchia e Siria: l'UE modifica le misure restrittive in vigore nei confronti della Siria per facilitare la consegna rapida degli aiuti umanitari

View 849

word 587 read time 2 minutes, 56 Seconds

Le sanzioni dell'UE in vigore nei confronti della Siria prendono di mira il regime di Assad ei suoi sostenitori, nonché i settori dell'economia da cui il regime traeva profitto. Il regime di sanzioni non vieta l'esportazione di alimenti, medicinali o attrezzature mediche dall'UE in Siria e non prende di mira il sistema sanitario siriano. Il regime di sanzioni include un'eccezione umanitaria di ampia portata per garantire la fornitura continua di assistenza umanitaria a qualsiasi parte del paese.

Il Consiglio rimane profondamente preoccupato per la situazione in Siria, dove il conflitto è tutt'altro che concluso e continua a essere fonte di sofferenza e instabilità. Il tragico terremoto del 6 febbraio 2023 accresce ulteriormente le sofferenze della popolazione siriana .

L'UE ei suoi Stati membri sono i principali donatori di aiuti umanitari alle persone colpite dal conflitto in Siria. Dal 2011, l'importo totale dei finanziamenti umanitari dell'Unione europea e dei suoi Stati membri per la crisi siriana (Siria più paesi limitrofi) è di 27,4 miliardi di euro. Dopo i devastanti terremoti, l'UE e i suoi Stati membri hanno già fornito 5,5 milioni di euro per far fronte alle necessità più urgenti, sotto forma di ulteriori aiuti umanitari a tutte le zone colpite.

In considerazione della gravità della crisi umanitaria in Siria, aggravata dal terremoto, il Consiglio ha deciso oggi di adottare un ulteriore emendamento umanitario per facilitare ulteriormente la rapida fornitura di assistenza umanitaria.

L'emendamento si applica per un periodo di sei mesi .

Con questo emendamento, l'UE ha rinunciato alla necessità per le organizzazioni umanitarie di chiedere l'autorizzazione preventiva alle autorità nazionali competenti degli Stati membri dell'UE per effettuare trasferimenti o fornire beni e servizi destinati a scopi umanitari a persone ed entità elencate.

Aprofondimento

Nelle sue conclusioni del 9 febbraio 2023, il Consiglio europeo ha espresso le sue più sentite condoglianze alle vittime del tragico terremoto del 6 febbraio 2023 ed ha espresso solidarietà alla popolazione della Turchia e della Siria. L'UE ha ribadito la propria disponibilità a fornire ulteriore assistenza per alleviare le sofferenze in tutte le regioni colpite. Ha invitato tutti a garantire l'accesso umanitario alle vittime del terremoto in Siria indipendentemente da dove si trovino e ha invitato la comunità umanitaria, sotto l'egida delle Nazioni Unite, a garantire la rapida consegna degli aiuti.

Il giorno del terremoto l'UE ha attivato la risposta politica integrata alle crisi (IPCR) per coordinare le misure di sostegno dell'UE in risposta al terremoto, mentre rispettivamente l'8 e il 9 febbraio 2023 le autorità siriane e il Programma alimentare mondiale in Siria hanno chiesto di attivare il meccanismo di protezione civile dell'UE.

Dieci paesi dell'UE hanno già offerto tende, sacchi a pelo, materassi, letti, prodotti alimentari e abbigliamento invernale. Inoltre, l'UE ha finora fornito 3,5 milioni di euro in assistenza umanitaria per coprire le necessità più urgenti, come denaro per alloggi e beni non alimentari, acqua e servizi igienico-sanitari, sanità e ricerca e soccorso.

Il regime di sanzioni dell'UE è stato introdotto nel 2011 in risposta alla violenta repressione della popolazione siriana da parte del regime siriano e di coloro ad esso collegati e comprende 291 persone oggetto di congelamento dei beni e divieto di viaggio e 70 entità soggette a congelamento dei beni .


Source by Redazione

Similar Articles / Terremot...lla Siria